TERMINI E ADEMPIMENTI PER I TRATTAMENTI DI INTEGRAZIONE SALARIALE IN DEROGA: LA NUOVA CIRCOLARE INPS


Fonte: Inps

Con la Circolare del 22 agosto 2019, n. 120 l’Istituto Nazionale Previdenza Sociale (INPS) ha fornito chiarimenti circa la nuova disciplina riguardante la decadenza dei trattamenti di integrazione salariale in deroga, da parte dell’INPS in caso di pagamento diretto.

Nel dettaglio, la Direzione Centrale Ammortizzatori Sociali INPS, interviene rispetto all’applicazione del termine decadenziale e alle istruzioni operative per la gestione dei pagamenti dell’Istituto, viste anche le recenti modifiche normative.

La nuove disposizioni prevedono infatti che il conguaglio (o la richiesta di rimborso delle integrazioni corrisposte ai lavoratori) debba essere effettuato, a pena di decadenza, entro sei mesi dalla fine del periodo di paga in corso alla scadenza del termine di durata della concessione o dalla data del provvedimento di concessione se successivo.

Si prevede inoltre che, per i trattamenti di integrazione salariale in deroga, per i casi di pagamento diretto della prestazione da parte dell’INPS, il datore di lavoro è obbligato ad inviare all’Istituto tutti i dati necessari per il pagamento dell’integrazione salariale, secondo le modalità stabilite dall’Istituto, entro lo stesso termine previsto.

Il termine decadenziale per le integrazioni salariali anticipate dal datore di lavoro è stato esteso anche alle prestazioni pagate direttamente dall’Istituto. Una volta decorso inutilmente il termine, il pagamento della prestazione rimane a carico del datore di lavoro.

Il termine dei sei mesi decorre dalla fine del periodo di paga in corso alla scadenza del periodo concesso o dalla data in cui viene emesso il provvedimento di autorizzazione del trattamento da parte dell’Istituto, se successivo. Tale parametro temporale trova applicazione a tutte le tipologie di decreti di concessione di cassa integrazione guadagni in deroga, sia regionale che nazionale. E’ anche  necessario l’invio da parte del datore di lavoro di flussi di pagamento (Mod. SR41), debitamente compilati in ogni loro parte. La Sede dell’Istituto, in risposta alla procedura di richiesta, dovrà procedere, contestualmente all’emissione del provvedimento di autorizzazione, alla notifica della stessa via PEC al datore di lavoro.

Per i trattamenti in deroga concessi prima dell’entrata in vigore dell’articolo 26-quater del D.L. n. 4/2019, si potranno verificare i seguenti casi:

Per periodi di concessione conclusi precedentemente alla data del 30 marzo 2019:

  • in caso di autorizzazioni INPS emesse in data antecedente al 30 marzo 2019, identificate nelle procedure di gestione con codice di intervento “699”, il termine dei sei mesi decorre dal 30 marzo 2019;
  • In caso di autorizzazioni INPS emesse dal 30 marzo 2019, identificate nelle procedure di gestione con codice di intervento “699”, il termine dei sei mesi decorre dalla data di emissione dell’autorizzazione INPS;

Per periodi di concessione conclusi successivamente al 30 marzo 2019 il termine dei sei mesi decorre dalla fine del periodo di paga in corso alla scadenza del periodo concesso o dalla data di emissione del provvedimento di autorizzazione INPS, se successivo, identificato nelle procedure di gestione con codice di intervento “699”.

Sempre con la circolare in oggetto, l’INPS ha invitato le proprie Strutture territoriali ad emettere tempestivamente i provvedimenti di autorizzazione delle prestazioni al fine di garantire un puntuale monitoraggio della spesa per la corretta gestione delle risorse finanziarie. Alla scadenza del termine decadenziale, sia per i pagamenti diretti che per i conguagli o la richiesta di rimborso, le somme assegnate alle Regioni/Province autonome stesse non saranno più utilizzabili, e torneranno nella disponibilità del Fondo per l’Occupazione e la Formazione.

Circolare Inps del 22 agosto 2019, n. 120

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.