LE NOVITÀ PER IL MONDO DEL LAVORO SANCITE DAL DECRETO MILLE PROROGHE 2018


Fonte: Gazzetta Ufficiale

Con la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del 21 settembre 2018, la Legge 21 settembre 2018, n. 108, recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 luglio 2018, n. 91, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative”, cd. Decreto Mille Proroghe, entra definitivamente in vigore.

Il provvedimento, contenente numerosi rinvii dei termini necessari per la corretta applicazione di specifici istituti normativi, riveste notevole importanza anche per il mondo del lavoro.

Tra gli interventi di maggior interesse, in particolare, si segnala la possibilità, per l’anno 2018, di accedere ai trattamenti straordinari di integrazione salariale in deroga e mobilità in deroga limitatamente alle imprese che operino in arre interessate da accordi di programma per la reindustrializzazione delle aree di crisi.

Tale misura, tuttavia, della durata massima di 12 mesi, sarà subordinata a:

  • stipula di un accordo tra Ministero del Lavoro, Mise e Regioni interessate;
  • presentazione di un piano che dimostri concrete prospettive di riassorbimento occupazionale mediante specifici percorsi di politiche attive, ovvero di un sicuro processo di reindustrializzazione del sito produttivo;
  • dichiarazione di non poter usufruire della cigs sulla base della normativa vigente.

In modifica all’articolo 10 del Decreto Legislativo n. 147/2017, inoltre, viene previsto che:

  • a decorrere dal 2019 (e non più dal 2018), l’INPS precompili la DSU cooperando con l’Agenzia delle entrate;
  • con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, è stabilita la data a partire dalla quale è possibile accedere alla modalità precompilata di presentazione della DSU, nonché la data a partire dalla quale è avviata una sperimentazione in materia;
  • a decorrere dal 1° gennaio 2019 la DSU ha validità dal momento della presentazione fino al successivo 31 agosto.

Infine, viene elevato a 300 giorni (da 180) il termine entro cui i soggetti residenti nella Regione Abruzzo, colpiti dagli eventi sismici del 6 aprile 2009, potranno presentare, a pena di decadenza, osservazioni in relazione alla comunicazione di avvio del procedimento di recupero degli aiuti dichiarati illegittimi.

Legge 21 settembre 2018, n. 108

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.