MISURE DI CONCILIAZIONE VITA-LAVORO: LE ISTRUZIONI PER LO SGRAVIO CONTRIBUTIVO


Fonte: Inps

Con Circolare del 3 Agosto 2018, n. 91, l’Inps illustra le modalità di attribuzione, a valere sulle risorse per l’anno 2018, dello sgravio contributivo previsto dal decreto interministeriale 12 settembre 2017, per i datori di lavoro che stipulino o abbiano stipulato, dal 1° novembre 2017 al 31 agosto 2018, contratti collettivi aziendali, anche in recepimento di contratti collettivi territoriali, che contemplino istituti specifici di conciliazione tra vita professionale e vita privata dei lavoratori, migliorativi rispetto alle previsioni di legge, del CCNL di riferimento o di precedenti contratti collettivi aziendali, riconosciuto dal decreto interministeriale 12 settembre 2017.

Dopo aver delineato i contenuti del suddetto beneficio, con precedente circolare del 13 novembre 2017, n. 163, l’Istituto fornisce le istruzioni operative che i datori di lavoro dovranno osservare per la presentazione, entro e non oltre il 15 settembre 2018, della richiesta di attribuzione e fruizione del beneficio a valere sulle risorse per l’anno 2018.

Nel dettaglio, i datori di lavoro – anche per il tramite degli intermediari autorizzati – dovranno inoltrare, in via telematica, apposita domanda all’INPS a decorrere dal giorno successivo alla pubblicazione della presente circolare ed entro e non oltre il 15 settembre 2018.

La domanda, da presentarsi avvalendosi del modulo di istanza on line “Conciliazione Vita-Lavoro 2018”, all’interno dell’applicazione “DiResCo – Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente”, sul sito internet dell’Istituto http://www.inps.it, deve contenere i seguenti dati:

  1. i dati identificativi dell’azienda;
  2. la data di sottoscrizione del contratto aziendale;
  3. la data di avvenuto deposito telematico del contratto di cui alla lett. b) presso l’Ispettorato Territoriale del Lavoro competente;
  4. il codice deposito contratto;
  5. le misure di conciliazione vita-lavoro previste nel contratto depositato;
  6. la dichiarazione di conformità del contratto aziendale alle disposizioni del decreto interministeriale 12 settembre 2017.

Scaduto il termine per l’invio dell’istanza, l’INPS procederà alle seguenti operazioni:

  • controllare il deposito del contratto aziendale, sulla base dei dati indicati nella domanda;
  • procedere al calcolo della misura del beneficio.

Si precisa, inoltre, che l’ammissione al beneficio avverrà a decorrere dal trentesimo giorno successivo al termine ultimo per la presentazione delle istanze.

Ne deriva che:

  • alle matricole ammesse al beneficio è attribuito da novembre 2018 il codice di autorizzazione “6J” (“datore di lavoro ammesso allo sgravio conciliazione vita-lavoro ai sensi del D.I. 12 settembre 2017”);
  • alle aziende agricole assuntrici di manodopera senza posizione Uniemens, che trasmettono i flussi contributivi esclusivamente a mezzo delle dichiarazioni periodiche Dmag/Unico, ammesse allo sgravio, è attribuito, a decorrere dal trentesimo giorno successivo alla data di scadenza della presentazione dell’istanza di concessione, il codice di autorizzazione “6J” (“datore di lavoro ammesso allo sgravio conciliazione vita-lavoro ai sensi del D.I. del 12 settembre 2017”).

Circolare Inps del 3 Agosto 2018, n. 91

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.