SETTORE EDILE E LAVORO INTERMITTENTE: LE PRECISAZIONI DEL MINISTERO DEL LAVORO


Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Con proprio Interpello del 13 luglio 2017, n. 1, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ammette la possibilità, per imprese del settore edile, di assumere con contratto di natura intermittente figure professionali quali:

  • manovali;
  • muratori;
  • asfaltisti;
  • autisti;
  • conducenti di macchine operatrici;

nell’ipotesi in cui la propria attività si presenti discontinua, all’interno di appalti per lavori di manutenzione straordinaria, in forza di determinati ordini di servizio impartiti dal committente.

Nel dettaglio, il riferimento normativo è all’art. 13 del Decreto Legislativo 15 giungo 2015, n. 81, che, dopo aver definito il contratto di lavoro intermittente, demanda al contratto collettivo l’individuazione delle esigenze organizzative e produttive che consentono il ricorso alle prestazioni di lavoro intermittente o, in mancanza, prevede l’applicazione del Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 23 ottobre 2004 e relativa tabella allegata al R. D. n. 2657/1953.

La legittimità del ricorso al lavoro intermittente, inoltre, è consentita solo in presenza dei seguenti requisiti soggettivi, ex art. 13, co. 2, D. Lgs. 81/2015:

  • soggetti con meno di 24 anni d’età, purché le prestazioni siano svolte entro il 25° anno d’età;
  • soggetti con più di 55 anni.

Posto il suddetto quadro normativo, il Ministero afferma che: “in assenza di specifiche previsioni contemplate dalla contrattazione collettiva di riferimento, per i lavori di manutenzione stradale straordinaria, in relazione alle attività innanzi menzionate, si ritiene possa farsi riferimento alle attività indicate al n. 32 della medesima tabella, che non riporta alcuna distinzione in ordine alle tipologie di manutenzione stradale (ordinaria/straordinaria), a condizione che le relative figure professionali siano effettivamente adibite per lo svolgimento di lavori di manutenzione stradale, siano essi ordinari o straordinari”.

Interpello del 13 luglio 2017, n. 1 del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.