AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE PER ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO: LE ISTRUZIONI INPS


Fonte: Inps

Con la propria Circolare del 10 luglio 2017, n. 109, l’Inps fornisce le istruzioni operative per la gestione degli adempimenti previdenziali connessi all’esonero contributivo a carico del datore di lavoro, nella misura massima di euro 3.250 annui, per le assunzioni a tempo indeterminato, anche in apprendistato, effettuate nel corso degli anni 2017 e 2018 ex art. 1, commi 308 e seguenti, della Legge 11 dicembre 2016, n. 232.

L’accesso al beneficio è riconosciuto per le assunzioni o trasformazioni a tempo indeterminato effettuate tra il 1° gennaio 2017 ed il 31 dicembre 2018 e la sua durata è pari a 36 mesi a partire dalla data di assunzione o trasformazione.

L’esonero contributivo spetta ai datori di lavoro che assumono, entro 6 mesi dall’acquisizione del titolo di studio, studenti che hanno svolto presso il medesimo datore di lavoro attività di alternanza scuola-lavoro pari, alternativamente, almeno al:

  • 30% delle ore di alternanza ex art. 3, co. 1, L. n. 107/2015;
  • 30% del monte ore previsto per le attività di alternanza all’interno dei percorsi erogati ex capo III, D. Lgs. 226/2015;
  • 30% del monte ore previsto per le attività di alternanza realizzata nell’ambito dei percorsi di cui al capo II del D.P.C.M. 25 gennaio 2008;
  • 30% del monte ore o, in mancanza del monte ore, 30% del numero dei crediti formativi previsti dai rispettivi ordinamenti per le attività di alternanza nei percorsi universitari.

Inoltre, l’esonero può essere applicato alle assunzioni a tempo indeterminato, effettuate entro 6 mesi dall’acquisizione del titolo di studio, di studenti che hanno svolto, presso il medesimo datore di lavoro, periodi di apprendistato per:

  • la qualifica;
  • il diploma professionale;
  • il diploma di istruzione secondaria superiore;
  • il certificato di specializzazione tecnica superiore;
  • o periodi di apprendistato in alta formazione.

I datori di lavoro che intendano fruire del beneficio devono inoltrare una richiesta attraverso l’apposita procedura telematica “308-2016”, reperibile all’interno dell’applicazione “DiResCo – Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente”, sul sito http://www.inps.it.

A seguito dell’invio dell’istanza di prenotazione e, di norma, entro 48 ore dalla trasmissione del modulo telematico, l’Istituto provvederà a calcolare l’importo dell’incentivo spettante, verificherà la disponibilità residua della risorsa ed in caso di sufficiente capienza di risorse, informerà – esclusivamente in modalità telematica – che è stato prenotato in favore del datore di lavoro l’importo dell’incentivo per l’assunzione del lavoratore indicato nell’istanza preliminare.

L’istanza di prenotazione dell’incentivo che dovesse essere inizialmente rigettata per carenza di fondi rimarrà valida per 30 giorni; se entro tale termine si libereranno delle risorse utili, la richiesta verrà automaticamente accolta; in caso contrario, dopo 30 giorni l’istanza perderà definitivamente di efficacia e l’interessato dovrà presentare una nuova richiesta di prenotazione.

Circolare Inps del 10 luglio 2017, n. 109

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...