CONTRIBUTO ADDIZIONALE TRATTAMENTI DI INTEGRAZIONE SALARIALE: NUOVI CHIARIMENTI INPS.


Fonte: Inps

Con il Messaggio del 13 aprile 2017, n. 1640, l’Inps fornisce chiarimenti in merito ai codici da utilizzare nel flusso UniEmens per il versamento del contributo addizionale dei trattamenti di integrazione salariale.

Con la Circolare del 19 gennaio 2017, n. 9, l’Inps ha stabilito che le aziende tenute al versamento del contributo addizionale, ex art.5 del D.lgs. 148/2015, ” […] debbano provvedere ad effettuare gli adempimenti informativi afferenti ai periodi pregressi nell’ambito del flusso UniEmens relativo al mese di marzo 2017, attraverso gli stessi codici utilizzati per l’esposizione del contributo addizionale.”

A) AUTORIZZAZIONI CIGO/CIGS POST D.LGS. 148/2015 CON SISTEMA TICKET

  • “E501”, “Ctr. Addizionale CIG ordinaria Post D.lgs 148/2015”, presente nell’elemento CongCIGOCausAdd;
  • “E600”, “Ctr addizionale CIG straordinaria”, presente nell’elemento CongCIGSCausAdd.

B) AUTORIZZAZIONI CIGO/CIGS POST D.LGS. 148/2015 CON SISTEMA DI CIG AGGREGATA

  • “E301”, Ctr. Addizionale CIG ordinaria post D.Lgs. 148/2015”, presente nell’elemento CausaleContrAddCIGO;
  • “E399”, “Ctr. Addizionale CIG straordinaria post D.Lgs. 148/2015, presente nell’elemento CausaleContrAddCIGS.

C) AUTORIZZAZIONI CIGD POST D.LGS. 148/2015 CON SISTEMA DI CIG AGGREGATA

  • “E404”, Ctr Addizionale CIGS L. 350/2004 post D.Lgs. 148/2015”, presente nell’elemento CausaleContrAddCIGS.

L’Inps specifica che le aziende che hanno fruito di interventi CIGO/CIGS, sottoposti alla disciplina del D.Lgs n.148/2015, e che abbiano cessato l’attività in data antecedente alla pubblicazione della circolare Inps del 19 gennaio 2017, n. 9, devono provvedere all’invio di flussi regolarizzativi, effettuando il versamento – senza aggravio di oneri accessori – entro il giorno 18.4.2017, utilizzando i codici sopra indicati.

Per evitare l’addebito degli oneri accessori, le predette regolarizzazioni dovranno contenere esclusivamente i codici relativi al contributo addizionale in argomento.

Le aziende che hanno trasmesso denunce Uniemens, riferite ad autorizzazioni CIGO/CIGS avvenute post D. lgs. 148/2015, utilizzando i codici per il pagamento del contributo addizionale riferiti alle autorizzazioni ante D.lgs n.148/2015 – e versato il predetto contributo in misura inferiore a quella dovuta – dovranno procedere ad esporre la differenza del contributo addizionale nella denuncia del mese di marzo 2017. Qualora le imprese non assolvano tale adempimento nella denuncia di marzo 2017, dovranno procedere all’invio di flussi regolarizzativi, utilizzando i codici sopra richiamati; i pagamenti dei flussi regolarizzativi, saranno assoggettati all’ordinario regime sanzionatorio.

Messaggio Inps del 13 aprile 2017, n. 1640

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...