PENSIONI E CUMULO CON I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO


Fonte: Inps

I pensionati sono tenuti a produrre all’ente erogatore della pensione la dichiarazione dei redditi da lavoro autonomo dell’anno precedente entro lo stesso termine previsto per la dichiarazione ai fini dell’IRPEF per il medesimo anno.
I titolari di pensione soggetti al divieto di cumulo parziale della pensione con i redditi da lavoro autonomo nell’anno 2015 sono tenuti a dichiarare entro il 30 settembre 2016, data di scadenza della dichiarazione dei redditi dell’anno 2015, i redditi da lavoro autonomo conseguiti nell’anno 2015. L’Inps con il messaggio n.3817 del 23 settembre 2016 specifica quali pensionati sono esclusi dall’obbligo di dichiarazione ovvero:

– i titolari di pensione e assegno di invalidità con decorrenza compresa entro il 31 dicembre 1994;

– i titolari di pensione di vecchiaia. L’Istituto ricorda che le pensioni di vecchiaia a carico dell’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti e delle forme di previdenza esonerative, esclusive, sostitutive della medesima e delle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi sono interamente cumulabili con i redditi da lavoro autonomo, indipendentemente dall’anzianità contributiva utilizzata per il riconoscimento e la liquidazione della prestazione;

– i titolari di pensione di vecchiaia liquidata nel sistema contributivo;

– i titolari di pensione di anzianità e di trattamento di prepensionamento a carico dell’assicurazione generale obbligatoria e delle forme sostitutive ed esclusive della medesima;

– i titolari di pensione o assegno di invalidità a carico dell’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti, delle forme di previdenza esonerative, esclusive, sostitutive della medesima, delle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi con un’anzianità contributiva pari o superiore a 40 anni (v. circolare n. 20 del 26 gennaio 2001). L’Inps precisa che ai fini dei 40 anni è utile anche la contribuzione relativa a periodi successivi alla decorrenza della pensione, purché già utilizzata per la liquidazione di supplementi (v. circolare n. 22 dell’8 febbraio 1999 e messaggio n. 4233 del 23 luglio 1999).

Pe presentare la dichiarazione bisogna autenticarsi con PIN sul sito dell’Inps, accedere ai servizi per il cittadino e selezionare la voce “Dichiarazioni Reddituali” – Red Semplificato (per la dichiarazione RED) e scegliere la voce “Dichiarazione redditi per l’anno 2015”. In alternativa è possibile scaricare il modulo 503 AUT dalla sezione Moduli sul portale dell’Istituto, compilarlo e inviarlo a mezzo PEC alla sede Inps competente.

Inps Messaggio del 23 settembre 2016, n. 3817

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.