LAVORO NERO: L’INPS SPIEGA IL NUOVO REGIME SANZIONATORIO.


inps4Fonte: Inps

L’Inps – con Circolare del 13 luglio 2016, n. 129 – ha chiarito la nuova disciplina delle sanzioni civili per i casi di impiego di lavoratori subordinati senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro.

Con l’entrata in vigore del D.Lgs. n. 151/2015, dal 24 settembre 2015, alle sanzioni per omesso versamento dei contributi relativi ai lavoratori impiegati in nero, non si applica più la maggiorazione del 50%.

L’Inps spiega che per effetto dell’art. 22, D.Lgs. n. 151/2015, le sanzioni civili da applicare ai casi di utilizzo di lavoratori subordinati senza la preventiva comunicazione sono quelle previste dall’art. 116, lett. b), della legge n. 388/2000, ovvero il 30% in ragione d’anno, con un massimo del 60% dell’importo dei contributi evasi.

La nuova norma si applica:

  • agli accertamenti ispettivi iniziati dal 24 settembre 2015, anche se rilevano violazioni commesse antecedentemente;
  • agli accertamenti ispettivi iniziati e non conclusi prima del 24 settembre.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...