INCENTIVO ALL’ASSUNZIONE DEGLI AMMESSI ALLA “GARANZIA GIOVANI”.


GARANZIA-GIOVANIFONTE: Inps

Con la Circolare del 16 febbraio 2016, n. 32 l’Inps fornisce chiarimenti in merito al  Decreto Direttoriale del 24 novembre 2015, n. 385 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il Ministero conferma la fruibilità dell’incentivo oggetto della misura “Bonus occupazionale”, nel rispetto delle previsioni da Regolamento UE del 18 dicembre 2013, n. 140, secondo cui l’incremento occupazionale va inteso come aumento netto del numero di dipendenti, nei dodici mesi precedenti, dello stabilimento rispetto alla media relativa ad un periodo di riferimento, laddove i posti di lavoro soppressi nel medesimo periodo vanno dedotti ed il numero dei lavoratori occupati a tempo pieno e parziale va calcolato considerando le frazioni di unità di lavoro-anno (U.L.A.).

Gli incentivi posso essere usufruiti oltre il limite del Regime “de minimis” solo al verificarsi di determinate condizioni, varianti a seconda della fascia di età del soggetto aderente al programma:

–          nel caso di lavoratori che, al momento dell’iscrizione al Programma, risultano aventi età compresa tra i 16 ed i 24 anni, l’incentivo può essere fruito solo qualora l’assunzione comporti un aumento occupazionale netto;

–          nel caso di giovani che, al momento dell’iscrizione al Programma, risultano aventi età compresa tra i 25 ed i 29 anni, l’incentivo può essere fruito solo qualora l’assunzione comporti un aumento occupazionale netto; quanto detto, a condizione, alternativa, che il lavoratore non abbia avuto un’occupazione regolarmente retribuita da almeno sei mesi, che non sia in possesso di un diploma di istruzione superiore di secondo grado o di una qualifica/diploma di istruzione e formazione professionale o, in alternativa, che non abbia completato la formazione a tempo pieno da non più di due anni senza aver ottenuto il primo impiego regolarmente retribuito ed, infine, che sia occupato in professioni o settori caratterizzati da una disparità di genere superiore al 25%.

Il requisito dell’incremento occupazionale netto deve, invero, essere rispetto qualora il posto od i posti di lavoro occupati nei dodici mesi precedenti alla nuova assunzione, presso il medesimo datore, si siano resi vacanti a seguito di licenziamenti per riduzione di personale.

L’incentivo, infine, verrà riconosciuto solo se, trascorso il primo mese di calendario dalla costituzione del rapporto per cui si chiede il beneficio, venga mantenuto l’incremento inizialmente realizzato.

Nel caso in cui intervengano, tra il giorno successivo all’assunzione e l’ultimo giorno dello stesso mese, cessazioni anticipate dei rapporti di lavoro in essere alla data di assunzione, ovvero siano intervenute cessazioni anticipate, dovrà essere ricalcolato il numero medio U.L.A.

Circolare Inps del 16 febbraio 2016, n. 32

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...