MODELLI 730/2015: L’AGENZIA DELLE ENTRATE FORNISCE LE SPECIFICHE TECNICHE.


Agenzia Entrate

Fonte: Agenzia delle Entrate.

Con il Provvedimento del 16 febbraio 2015 n. 21935, l’Agenzia delle Entrate stabilisce le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati contenuti nelle dichiarazioni modelli 730/2015 nelle comunicazioni di cui ai modelli 730-4 e 730-4 integrativo nonchè nella scheda riguardante le scelte della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef.

Trasmissione telematica dei dati relativi ai modelli 730/2015 da parte dei CAF e dei professionisti abilitati: i CAF ed i professionisti abilitati trasmettono in via telematica i dati contenuti nei modelli di dichiarazione 730/2015 e nella scheda relativa alla scelta dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef.

Trasmissione telematica dei dati relativi ai modelli 730/2015 da parte dei sostituti d’imposta: i sostituti d’imposta che prestano assistenza fiscale con riferimento all’anno d’imposta 2014 trasmettono in via telematica, direttamente o tramite un intermediario abilitato, i dati contenuti nei modelli di dichiarazione 730/2015.

Trasmissione telematica dei dati relativi ai modelli 730/2015 da parte degli intermediari abilitati: gli intermediari abilitati trasmettono in via telematica i dati contenuti nei modelli di dichiarazione 730/2015 e nelle schede relative alla scelta dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef, modello 730-1, consegnati dai sostituti d’imposta che hanno prestato assistenza fiscale.

Trasmissione telematica dei dati contenuti nei modelli 730-4 ai sostituti d’imposta da parte dell’Agenzia delle Entrate in caso di presentazione diretta della dichiarazione 730 precompilata: l’Agenzia delle Entrate, ai sensi dell’articolo 16 comma 4-bis del Decreto 164/1999, rende disponibili i risultati contabili della dichiarazione 730 precompilata ai sostituti d’imposta che hanno comunicato la sede telematica dove ricevere il flusso contenente i risultati stessi.

I sostituti d’imposta, i CAF e i professionisti abilitati che prestano assistenza fiscale con riferimento all’anno d’imposta 2014 possono conservare in formato elettronico le annotazioni riportate sul modello 730-3/2015 cartaceo, consegnato al contribuente che si è avvalso dell’assistenza fiscale.

Provvedimento del 16 febbraio 2015 n. 21935

Visita anche

L3 RICERCA & SELEZIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...