GARANZIA GIOVANI: LE PRIME ISTRUZIONI PER LA CONCESSIONE DEI BENEFICI ALL’ASSUNZIONE.


GARANZIA GIOVANIFonte: Inps.

Il decreto direttoriale del Ministero del lavoro e delle politiche sociali adottato l’8 agosto 2014 ha previsto un incentivo per l’assunzione dei giovani ammessi al cosiddetto “Programma garanzia Giovani”. L’incentivo risulta ammissibile per le assunzioni effettuate a partire dal 3 ottobre 2014.

L’Inps, ora con la propria Circolare n.118 del 3 ottobre 2014, in attesa del completamento del complessivo sistema automatizzato di gestione, fornisce le prime indicazioni interpretative e operative utili all’inoltro alle istanze per poter ottenere i benefici contributivi attinenti alla cosiddetta “Garanzia Giovani”.

Benficiari dell’incentivo sono tutti i datori di lavoro privati, a prescindere dalla circostanza che siano imprenditori o meno (quindi anche gli studi professionali).

L’incentivo spetta per l’assunzione di giovani che si registrano al Programma tramite iscrizione al portale Garanzia Giovani http://www.garanziagiovani.gov.it, secondo le indicazioni fornite dal Ministero del lavoro e disponibili presso il sito http://www.lavoro.gov.it e http://www.garanziagiovani.gov.it

giovani destinatari del regime contributivo agevolato sono quelli di età compresa tra i 15 e i 29 anni cosiddetti NEET – Not [engaged in] Education, Employment or Training, cioè non inseriti in un percorso di studi, non occupati – ai sensi del d.l.vo 181/2000 – né inseriti in un percorso di formazione (in conformità con quanto previsto dall’art. 16 del Regolamento (UE)1304/13).

L’incentivo spetta per le assunzioni effettuate tra il 3 ottobre 2014 e il 30 giugno 2017:

  • tempo determinato – anche a scopo di somministrazione – di durata pari o superiore a sei mesi;
  • a tempo indeterminato – anche a scopo di somministrazione.

L’incentivo spetta anche in caso di rapporto a tempo parziale, purché sia concordato un orario di lavoro pari o superiore al 60% dell’orario normale.

L’incentivo non spetta per i rapporti di apprendistato, di lavoro domestico, intermittente, ripartito e accessorio.

La misura dell’incentivo – stabilita e determinata in base al contratto concluso e alla profilazione del giovane – varia da un minimo di € 1.500,00 a un massimo di € 6.000,00 complessivi, da utilizzare mediante conguaglio / compensazione della contribuzione mensile.

Per la presentazione delle istanze di riconoscimento del beneficio – che dovranno essere trasmesse tramite la consueta procedura “Diresco” presente nel sito http://www.inps.it utilizzando il modello “GAGI” – saranno fornite ulteriori chiarmenti e modalità operative oggetto di un nuovo messaggio dell’Istituto.

Circolare Inps n. 118 del 3 ottobre 2014.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...