EX IPSEMA: NUOVI CRITERI DI ATTRIBUZIONE DELLA COMPETENZA TERRITORIALE.


 PortualiFonte: Inps.

Dal 1° gennaio 2014 l’Inps è subentrato nella gestione diretta delle attività relative all’accertamento e riscossione dei contributi e all’erogazione delle prestazioni di malattia, maternità, disabilità, donazione di sangue e midollo osseo per il personale assicurato all’ex Ipsema. L’Istituto, con circolare congiunta Inps-Inail del 23 dicembre 2013 n. 179, ha emanato le prime istruzioni operative affidando, in un primo periodo transitorio, la gestione delle attività in argomento alle Direzioni provinciali di Genova, Napoli, Palermo, Trieste, Messina e Bari ed alle Agenzie di Molfetta e Mazara del Vallo, fermo restando che il criterio di attribuzione delle competenze tra le diverse Strutture Inps avviene sulla base del compartimento marittimo di iscrizione della nave e, per la sola Regione Sicilia, anche sulla base della residenza degli assicurati.

L’Istituto, con la Circolare del 17 luglio 2014 n. 93, indica i nuovi criteri di attribuzione della competenza, individuati tenendo conto delle istanze espresse dai lavoratori e dai datori di lavoro del settore marittimo in merito all’esigenza di individuare un maggior numero di Strutture Inps competenti nella gestione delle prestazioni in argomento:

  •  criterio generale della residenza degli assicurati;
  • allocazione degli uffici del Servizio Assistenza Sanitaria Naviganti – SASN (o dei medici fiduciari individuati dal Ministero della Salute) nonché delle Capitanerie di porto, coinvolti nei processi gestionali per l’erogazione delle prestazioni previdenziali ex Ipsema.

In questo senso, si ritiene che l’adozione di un modello organizzativo e territoriale per “Poli regionali/interregionali” meglio risponda alle esigenze operative dell’Istituto, garantendo un servizio capillare all’utenza. Con decorrenza 1° gennaio 2015, le attività relative ai lavoratori assicurati ex Ipsema saranno attribuite in via definitiva, come proprio carico di lavoro, alle Strutture Inps individuate secondo i nuovi criteri indicati.

La distribuzione delle attività su tutto il territorio nazionale, in base ai nuovi criteri individuati con la presente circolare, comporterà la necessità di avviare ogni iniziativa formativa utile, oltre a quelle in modalità on the job,  al fine di consentire al personale che verrà addetto alla trattazione delle materie di interesse di acquisire o consolidare le competenze necessarie.

Circolare del 17 luglio 2014 n. 93

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...