IL JOB ACT E’ LEGGE.


def

Fonte: Parlamento.

Con 333 voti favorevoli, il Decreto Legge 20 marzo 2014 n. 34, rubricato “Disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell’occupazione e attuare la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese”, è stato convertito in Legge nella giornata del 13 maggio 2014 ed entrerà in vigore dal giorno successivo alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Ecco le principali novità.

  • Contratto a termine:
  1. i contratti a termine possono essere stipulati senza causale (a-causalità);
  2. la durata massima è di 36 mesi, compresi i periodi di somministrazione con lo stesso lavoratore, con possibilità di 5 proroghe, purché si riferiscano alla stessa attività lavorativa per la quale il contratto è stato stipulato;
  3. il numero complessivo dei rapporti di lavoro costituiti da ciascun datore di lavoro non può eccedere il limite del 20% (o altra percentuale prevista dal CCNL) dei lavoratori a tempo indeterminato al 1° gennaio dell’anno di assunzione. Il superamento dei limiti viene sanzionato, con esclusione dei rapporti instaurati precedentemente alla data di entrata in vigore del decreto; il limite non si applica ai contratti a tempo determinato instaurati per ragioni sostitutive o stipulati tra enti pubblici o privati di ricerca e lavoratori che scolgono, in via esclusiva, attività di ricerca scientifica o tecnologica;
  4. è invalida l’apposizione di un termine se non risulta direttamente o indirettamente per iscritto;
  5. al momento dell’assunzione, il datore di lavoro deve informare il lavoratore, per iscritto, del diritto di precedenza.
  • Apprendistato:
  1. il contratto deve contenere, in forma sintetica, il piano formativo individuale definito anche sulla base di formulari stabiliti dai CCNL o dagli enti bilaterali;
  2. nelle imprese con più di 50 dipendenti, possono essere assunti apprendisti solo se è stato confermato almeno il 20% dei precedenti apprendisti;
  3. nelle ore di formazione l’apprendista è retribuito in misura pari al 35% della retribuzione del livello contrattuale di inquadramento;
  4. il datore di lavoro non è tenuto a garantire una formazione finalizzata all’acquisizione di compretenze di base e trasversali;
  • DURC on-line :
  1. la verifica della regolarità contributiva nei confronti dell’Inps, dell’Inail e, per le imprese edili, nei confronti delle Casse edili avviene esclusivamente per via telematica;
  2. l’interrogazione ha validità di 120 giorni dalla data di acquisizione e sostituisce il DURC;
  3. l’interrogazione assolve all’obbligo di verificare la sussistenza del requisito di ordine generale per la stipula dei contratti pubblici.
  • Contratti di solidarietà: con decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministro dell’Economia e delle Finanze, saranno stabiliti criteri per l’individuazione dei datori di lavoro beneficiari della riduzione contributiva, entro i limiti delle risorse disponibili.

Testo Decreto Legge 34 del 20 marzo 2014

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...