RETRIBUZIONI E PRINCIPIO DI CASSA ALLARGATO: E’ POSSIBILE PROROGARE IL 12 GENNAIO 2014 ?


TASSAZIONEdi Francesco Geria – Consulente del Lavoro.

Anche quest’anno si ripresenta l’annosa questione del pagamento delle retribuzioni entro il 12 gennaio ai fini della loro possibile deduzione fiscale.

Il Testo Unico delle imposte sui redditi DPR 917/86 all’art 51 stabilisce che le retribuzioni – e i compensi a collaboratori o amministratori – corrisposti entro il 12 gennaio dell’anno successivo possono essere considerati deducibili nell’anno di riferimento.

Questo in quanto il principio di cassa “allargato” statuito dal TUIR permette una “deroga” al presupposto che retribuzioni e compensi sono deducibili nel periodo d’imposta in cui sono effettivamente pagati e corrisposti.

Per il 2014 (come già per il 2013) si presenta però il fatto che il 12 gennaio cade di domenica. Quindi potrebbe presumersi che tale pagamento possa essere posticipato al primo giorno feriale successivo senza intaccarne la deducibilità per l’anno precedente.

In tale contesto è necessario far riferimento al Decreto Sviluppo 2011 – Legge 70/2011 che all’art. 7, comma 1, lettera h) recita: ” … h) i versamenti e gli adempimenti, anche se solo telematici, previsti da norme riguardanti l’Amministrazione economico-finanziaria che scadono di sabato o in un giorno festivo sono sempre rinviati al primo giorno lavorativo successivo;…..”

Tale disposizione legislativa, purtroppo, risulta essere di carattere “generale” e può far cadere nella tentazione affinché possa essere applicata anche ai pagamenti delle retribuzioni e compensi in scadenza il 12 gennaio 2014.

Questa convinzione non può essere, a pare di chi scrive, abbracciata, in quanto la disposizione ha carattere prettamente fiscale e rivolta nei confronti di un adempimento o un versamento nei confronti di una Amministrazione finanziaria o economica.

Seppur il principio di cassa allargato è inserito all’interno di una norma fiscale ( Il TUIR appunto) tale previsione non è riferibile ad un adempimento tributario ma ad una obbligazione “civilistica” in ottemperanza di un pagamento per una prestazione lavorativa il cui creditore non è un soggetto pubblico ma un privato (il lavoratore – collaboratore – amministratore).

Pertanto alla luce di quanto sopra non sembra possibile posticipare, per il 2014, i pagamenti delle retribuzioni e compensi oltre il 12 gennaio.

Infine affinché tali pagamenti possano essere considerati effettuati tempestivamente:

  • se corrisposti in contanti  è opportuno ottenere una quietanza con la data di pagamento entro il 12.01;
  • se corrisposti con Assegno Circolare o Assegno Bancario il pagamento risulta ottemperato nel momento in cui il lavoratore entrerà in possesso del titolo (opportuna comunque sempre una ricevuta);
  • se corrisposti a mezzo bonifico bancario od altre modalità telematiche è importante che la somma sia entrata nelle disponibilità del lavoratore entro il 12.01 (cioè risulti accreditata sul conto corrente entro tale data).

Una risposta a “RETRIBUZIONI E PRINCIPIO DI CASSA ALLARGATO: E’ POSSIBILE PROROGARE IL 12 GENNAIO 2014 ?

  1. Buongiorno, ma scusate ci devono sempre complicare la vita, sarebbe opportuno variare la data limite portandola al 31.01.anno successivo a quello di cassa, si darebbe più tempo e respiro alle aziende e commercialisti che hanno notevoli problemi di liquidità specialmente in questo drammatico periodo semplificando tutto, dovrebbe essere retroattiva questa variazione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.