DECRETO LAVORO: UNA “OFFICINA RIPARAZIONI” SEMPRE APERTA.


governoFonte: Presidenza Consiglio dei Ministri.

di Francesco Geria – Consulente del Lavoro.

Il Consiglio dei Ministri lo scorso mercoledì 26 giungo 2013 ha presentato la bozza del Decreto Legge recante “interventi urgenti per la promozione dell’occupazione, in particolare giovanile, della coesione sociale nonché in materia di Imposta sul valore aggiunto (IVA)”

Nonostante il titolo altamente roboante, dopo una prima lettura, ci si accorge di essere nuovamente di fronte all’ennesimo provvedimento che, purtroppo bisogna dirlo a gran voce, non presenta alcuna soluzione strutturale ai problemi dell’occupazione e in particolare a favore dei giovani.

Il provvedimento, che ora passerà alla discussione e all’approvazione del Parlamento nei canonici 60 giorni dalla sua pubblicazione in Gazzetta, apporta essenzialmente modifiche e sistemazioni alla già complessa struttura della Riforma del Lavoro introdotta dal precedente esecutivo con la L. 29 giungo 2012 n. 92 (cd Riforma Fornero).

Giusto un anno dopo la “ciclopica” Riforma del Lavoro e a sei mesi dai suoi “aggiustamenti” – vedi Patto di Stabilità per il 2013 approvato a Dicembre 2012 – ecco un nuovo restyling di quanto già è in atto. Unica novità degna di interesse – ma che ad una prima analisi risulta di portata estremamente limitata se non confinata ad aree geografiche ben individuate – sembra essere l’incentivo alle assunzioni stabili di giovani.

In questa sede non risulta utile approfondire tutte le tematiche affrontate dal Decreto  – già ampliamente pubblicate dalle varie testate dei media e della stampa- e rimandando a successivi interventi la disamina delle varie peculiarità introdotte, alleghiamo in calce nell’apposito link la parte del provvedimento inerente gli interventi introdotti.

Insomma la tematica del lavoro è, al momento, una officina riparazioni sempre aperta !

Decreto Legge lavoro 2013 – Bozza del Testo.

Un commento

  1. Caro Francesco, anch’io dopo una attenta lettura del decreto, così com altri colleghi di Prato, sono rimasto deluso.
    Un saluto cordiale
    Furio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.